Passa ai contenuti principali

Esercizi Spirituali di Avvento: tre donne ci insegnano a pregare, tre serate per incontrar(si)







Gli Esercizi spirituali sono per me sia un modo per vivere pienamente e al meglio il periodo di attesa e di arrivo del Natale, in quanto scandiscono ogni anno l'inizio dell'Avvento, sia anche un'occasione per riflettere sulla mia fede, mettendola in discussione. Infatti è proprio grazie al confronto con le storie delle persone che si incontrano nelle Scritture che comprendo veramente il significato della vera presenza di Dio all'interno della loro e della mia vita. 


Quest'anno, essendo le protagoniste di questi tre giorni tre donne - Agar, Anna e Maria - ho avuto maggiormente la possibilità di immedesimarmi in loro e cogliere dalle loro esperienze spunti di riflessione sulla mia vita.


In particolare, le storie di Agar e Anna insegnano a stare in ascolto di Dio sempre, anche e soprattutto nei momenti di sconforto, perché è proprio lì che Lui ci viene in soccorso ed esaudisce le nostre preghiere. L'esperienza di Maria invece mi aiuta a comprendere che anche se spesso la volontà del Signore non corrisponde alla nostra, fidandoci e affidandoci a Lui, avremo sempre qualche motivo per essere felici delle nostre scelte e ringraziarlo per ciò che di buono ci ha donato.



Alessia (21 anni)

Commenti

Post popolari in questo blog

VOLONTA' (Pasqua 2022)

Nella cena del Signore» ci viene proclamata la Lettura della Passione secondo Matteo. In  questi versetti del Vangelo troviamo Gesù nell’orto degli ulivi che prova tristezza e angoscia. Pregando dice: “Padre mio se è possibile, passi via da me questo calice! Però non come voglio io ma come vuoi tu !» E una seconda volta: «Padre mio, se questo calice non può passare via senza che io lo beva, si compia la tua volontà ». Non è solo la paura e l’angoscia dell’uomo davanti alla morte, ma è lo sconvolgimento del Figlio di Dio che vede la terribile massa del male che dovrà prendere su di Sé. Anche noi, nella preghiera dobbiamo essere capaci di portare davanti a Dio le nostre fatiche, la sofferenza di certe situazioni, di certe giornate, l’impegno quotidiano di seguirLo, di essere cristiani, e anche il peso del male che vediamo in noi e attorno a noi, perché Egli ci dia speranza, ci faccia sentire la sua vicinanza, ci doni un po’ di luce nel cammino della vita.  Ogni giorno nella preghiera del

BUIO/LUCE (Pasqua 2022)

E' Pasqua, la notte e il giorno in cui il buio  si fa luce,  uno squarcio deciso nel cielo  per mettere  l'ultima Parola alle nostre  tre parole in croce.

Vita Comune - l'esperienza di Cernusco sul Naviglio

  Il 9 gennaio 2022 è iniziata un’esperienza di vita comune (“Casa Nazaret”) a Cernusco sul Naviglio sotto la guida di don Andrea Citterio , responsabile della Pastorale giovanile locale. Quattro i ragazzi che hanno aderito alla proposta: Teresa Abbate , 23 anni, logopedista; Marika Ambrosoni , 25 anni, impiegata presso l’ufficio progettazione gare per la ristorazione collettiva, Nicolò Caporale , 22 anni, studente di Economia all’Università Bicocca e Alessandro Sante Galbiati , 26 anni, consigliere comunale e praticante avvocato. Tutti loro sono anche attivamente impegnati nell’ambito oratoriale o delle associazioni cattoliche . Ascoltiamo dalle loro parole il senso di questa esperienza e i frutti a cui ha portato. Perché avete scelto di aderire al progetto “Vita comune”?  Nicolò parla di una “ convergenza perfetta fra varie esigenze " quelle della chiesa parrocchiale, dell’oratorio e dei giovani cernuschesi. Marika, invece, parla della sua adesione come di una “voglia di uscire